Contenzioso e giurisprudenza

La «busta» firmata non dimostra l’esatto pagamento

di Daniele Colombo

La firma della busta paga da parte del lavoratore non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione da parte del datore di lavoro, ma può far presumere l’esatto adempimento. Per superare la presunzione occorre che il lavoratore fornisca la prova dell’insussistenza del carattere di quietanza della dichiarazione sottoscritta. Lo ha stabilito il Tribunale di Bari con la sentenza 4754 del 12 ottobre 2016 (giudice Salamida). La vicenda riguarda un lavoratore, che ha ottenuto dal Tribunale di Bari un decreto ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?