Contenzioso e giurisprudenza

Se la lavoratrice è madre recesso nullo e danni risarciti

di Angelo Zambelli

Con la sentenza 475/16, depositata ieri, la Cassazione si pronuncia sul regime sanzionatorio applicabile prima della Riforma Fornero (legge 92/2012) al licenziamento intimato alla lavoratrice madre durante il periodo tra l’inizio del periodo di gravidanza e il compimento di un anno d’età del bambino. La vicenda muove dalla decisione della Corte d’appello di Napoli che, ritenuto illegittimo il licenziamento, aveva condannato il datore di lavoro piccolo imprenditore a riassumere la lavoratrice o, in mancanza, a risarcirle il danno commisurato ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?