Contenzioso e giurisprudenza

Controlli a distanza vietati anche dopo il Jobs Act

di Angelo Zambelli

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

L'installazione di telecamere per il controllo a distanza dell'attività dei prestatori di lavoro è una condotta penalmente rilevante anche dopo la riforma dello Statuto dei lavoratori introdotta con il Jobs Act. Questo, in sintesi, è quanto affermato dalla Terza Sezione Penale della Corte di cassazione con la sentenza n. 51897 del 6 dicembre 2016 nel decidere il caso del titolare di una pompa di benzina che aveva installato sul posto di lavoro alcune videocamere per controllare ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?