Contenzioso e giurisprudenza

È estorsione far firmare il lavoratore

di N.T.

Il datore di lavoro che costringe il dipendente, dietro la minaccia del licenziamento, ad accettare retribuzioni inferiori rispetto a quanto indicato in busta paga commette il reato di estorsione, in quanto ottiene un profitto ingiusto a danno del lavoratore. Nel caso di specie, la Corte d’appello ha confermato la condanna per il gestore di una sala ricevimenti che aveva per diversi mesi costretto alcuni dipendenti a sottoscrivere buste paga attestanti il pagamento di somme maggiori rispetto a quelle effettivamente ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?