Contenzioso e giurisprudenza

Le informazioni fornite dal datore di lavoro sono prova del reato di omesso versamento di ritenute previdenziali

di Silvano Imbriaci

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Anche con la telematizzazione delle denunce contributive mensili, non mutano le modalità di prova del reato di omesse ritenute previdenziali sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti. È questo, in sintesi, il contenuto dellasentenza 42715 della III sezione penale della Cassazione, che si sofferma in motivazione sulle modalità con cui provare la condotta descritta dall'articolo 2, comma 1 bis, del decreto legge 12 settembre 1983 (conv. in legge 11 novembre 1983, n. 638). Occorre rilevare che il reato di omesso ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?