Contenzioso e giurisprudenza

La maternità vale per la carriera

di Giuseppe Bulgarini d’Elci

Costituisce discriminazione nei confronti delle lavoratrici il comportamento del datore di lavoro che, a fronte di una norma contrattuale collettiva da cui consegue il passaggio a un superiore livello di inquadramento dopo 24 mesi di servizio, non abbia considerato i periodi di assenza per congedo di maternità e parentale ai fini della progressione di carriera. Il tribunale di Venezia (sentenza 336/2016 ) è pervenuto a questa conclusione nel caso di una società che ha negato a una dipendente, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?