Contenzioso e giurisprudenza

Niente licenziamento per un'assenza di tre giorni se non lo prevede il contratto

di Giuseppe Bulgarini d'Elci

L'assenza ingiustificata dal lavoro protratta per tre giorni e di cui il dipendente non aveva previamente avvertito il datore non è idonea a giustificare il licenziamento per giusta causa, laddove il contratto collettivo, in relazione alle assenze ingiustificate non superiori a cinque giorni consecutivi, preveda unicamente una sanzione conservativa.La Corte di cassazione è pervenuta a questa conclusione (sentenza 13787/2016 ) sulla base del principio per cui una condotta inadempiente del lavoratore punita dal contratto collettivo con una sanzione ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?