Contenzioso e giurisprudenza

Rimborso a dirigente discriminata

di Massimiliano Biolchini e Serena Fantinelli

Il 13 maggio il tribunale di Aosta, con la sentenza 65/2016, ha statuito che, a parità di prestazioni, la lavoratrice donna ha diritto alla stessa retribuzione del lavoratore uomo, e che costituisce un atto oggettivo di discriminazione diretta corrispondere alla dirigente donna una retribuzione più bassa di quella prevista per prestazioni di valore inferiore, essendo del tutto irrilevante sia l’eventuale congruità della retribuzione rispetto alle mansioni svolte, sia la prova dell’intenzionalità di trattare in modo deteriore la donna ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?