Contenzioso e giurisprudenza

Versamenti all’Inps (e non alle Casse) per il professionista senza partita Iva

di Silvano Imbriaci

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Secondo la Cassazione il professionista senza partita Iva che è amministratore di società deve versare alla gestione separata Inps

Il caso affrontato dalla pronuncia della Cassazione 5 maggio 2016, n. 9046 è tutt'altro che infrequente: la Cassa professionale (in questo caso l'INARCASSA) iscrive d'ufficio un lavoratore libero professionista che, dopo la sua volontaria cancellazione, aveva svolto l'attività di amministratore presso alcune società. La questione posta all'attenzione della Suprema Corte riguarda dunque la verifica dei requisiti per l'iscrizione alla Cassa ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?