Contenzioso e giurisprudenza

Il livello contrattuale diverso esclude l'equivalenza delle mansioni

di Massimiliano Biolchini e Lorenzo Zanotti

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Al fine di un corretto esercizio dello ius variandi da parte del datore di lavoro - consistente nel potere di modificare unilateralmente le mansioni del dipendente - occorre tenere presente, da un lato, che le mansioni non possono considerarsi equivalenti per il solo fatto di essere riconducibili al medesimo livello di inquadramento contrattuale e, dall'altro, che l'appartenenza delle mansioni a livelli di inquadramento diversi ne esclude a priori l'equivalenza. Tale duplice principio è stato ribadito dalla Corte di ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?