Contenzioso e giurisprudenza

La mancata fruizione del riposo compensativo dà luogo a danno da usura psico-fisica

di Alberto De Luca e Marilita Piromalli

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 21225 del 20 ottobre 2015, chiamata a pronunciarsi sul tema della mancata fruizione del riposo compensativo decorsi 6 giorni di prestazione di lavoro continuativa nell'ambito del pubblico impiego, ha chiarito che tale fattispecie determina il diritto del dipendente ad un risarcimento danno da “usura psico-fisica”, da intendersi presunto quale conseguenza della condotta tenuta dal datore di lavoro. Tale principio discende dall'assunto che il riposo compensativo dopo 6 giorni di lavoro ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?