Contenzioso e giurisprudenza

Contratti dell’agente non obbligati

di Olimpio Stucchi

La Cassazione ha riconosciuto come il preponente sia libero tanto di non sottoscrivere il contratto procacciato dall’agente, che di risolverlo, perché non tenuto a tutelare la professionalità del proprio agente. Con la conseguenza che, a fronte di tali decisioni, l’agente non potrà invocare la lesione della sua immagine professionale e recedere per giusta causa. Nel caso di specie, la Corte suprema, con la sentenza 19300/2015, ha escluso che l’agente-promotore finanziario potesse invocare la giusta causa di recesso a fronte ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?