Contenzioso e giurisprudenza

Riforma al nodo del «repechage»

di Angelo Zambelli

Il decreto Legislativo 23/15 ha apportato rilevanti modifiche in tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo dei lavoratori (operai, impiegati e quadri) assunti a decorrere dal 7 marzo 2015, eliminando, da un lato, la farraginosa procedura preventiva presso la Dtl - oggi prevista per le imprese sopra i 15 dipendenti - e, dall’altro, la reintegrazione in caso di licenziamento illegittimo. L’articolo 3, comma 1, del decreto in esame stabilisce, infatti, che nei casi in cui risulta accertato che ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?