Contenzioso e giurisprudenza

In infortunio lavora altrove: no al recesso

di Giuseppe Bulgarini d'Elci

Secondo la sentenza 4237/15 della Cassazione non costituisce giusta causa di licenziamento, ma è passibile unicamente di sanzione conservativa, il comportamento del lavoratore che durante un periodo di assenza dal lavoro per infortunio abbia svolto presso terzi una attività lavorativa sostanzialmente coincidente con quella oggetto del contratto di lavoro. Si legge nella sentenza che l’espletamento di altra prestazione lavorativa in costanza di astensione per infortunio non aveva impedito che, al termine del periodo di assenza riconosciuto dall’Inail, il ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?