Contenzioso e giurisprudenza

L'appropriazione di beni aziendali e il rischio di licenziamento

di Angelo Zambelli

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Con la sentenza n. 26323 depositata il 15 dicembre 2014, la Suprema corte è intervenuta in merito alla legittimità di un licenziamento per giusta causa intimato per appropriazione di beni aziendali. Nel caso di specie, un lavoratore responsabile della manutenzione degli impianti aveva irregolarmente registrato come “impianto fisso” un computer portatile acquistato dall'azienda su sua richiesta, portandolo successivamente presso la sua abitazione, contravvenendo così al divieto di portare fuori dall'ambiente di lavoro beni aziendali senza autorizzazione. Conseguentemente, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?