Contenzioso e giurisprudenza

L'attività concretamente svolta determina il corretto inquadramento previdenziale

di Luca De Compadri

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

La Corte di Cassazione (sentenza 23804/14) affronta la problematica inerente allo svolgimento di distinte attività sotto il profilo del corretto inquadramento previdenziale, ai fini del pagamento dei contributi. In particolare, la Suprema Corte, sviluppa il tema della c.d. prevalenza dell'attività preponderante, in rapporto all'attività di natura promiscua, precisando che la prova relativa alla prevalenza grava sull'ente previdenziale che faccia valere il proprio credito (cfr. Cass. 11 aprile 2014, n. 8558; Cass 11 marzo 2008, n. 6442). A tal fine, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?