Contenzioso e giurisprudenza

Part time più caro se «a chiamata»

di Maria Rosa Gheido

A fronte della totale discrezionalità del datore di lavoro di stabilire se e quando prestare l'attività, la disponibilità del lavoratore deve trovare adeguato compenso. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza 23600 , depositata il 5 novembre, decidendo una vertenza su un contratto di lavoro a tempo parziale totalmente libero da qualsivoglia predeterminazione in termini di distribuzione e/o durata della prestazione richiesta. Il lavoratore rivendicava l'erogazione di un'indennità compensativa avendo dato la disponibilità a rendere la prestazione ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?