Contenzioso e giurisprudenza

Il datore di lavoro può porre in aspettativa non retribuita per tossicodipendenza

di Aldo Calza

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Il tribunale di Milano (sentenza 2761/2014 ) ha affermato la liceità della collocazione unilaterale in aspettativa disposta da parte dell'azienda nei confronti del dipendente inidoneo temporaneamente al lavoro per accertato stato di tossicodipendenza. Ai sensi dell'articolo 124 del Dpr 309/1990 “i lavoratori di cui viene accertato lo stato di tossicodipendenza, i quali intendono accedere ai programmi terapeutici e di riabilitazione presso i servizi sanitari delle unità sanitarie locali o di altre strutture terapeutico-riabilitative e socio-assistenziali, se assunti a ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?