Contenzioso e giurisprudenza

Demansionamento e prova del danno alla professionalità

di Elena Signorini

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Con la pronunzia del 29 settembre 2014, n. 20473 la Suprema Corte torna ad affrontare il tema del demansionamento e del conseguente danno alla professionalità ribadendo che “in caso di accertato demansionamento professionale, la liquidazione del danno alla professionalità del lavoratore non può prescindere dalla prova del danno e del relativo nesso causale con l'asserito demansionamento, ferma la necessità di evitare, trattandosi di danno non patrimoniale, ogni duplicazione con altre voci di danno non patrimoniale accomunate dalla medesima fonte ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?