Contenzioso e giurisprudenza

Corte di Giustizia Ue: in maternità non si perde il diritto di soggiorno

di Armando Montemarano

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Per la Corte di Giustizia Ue, Prima Sezione, 19 giugno 2014, C-507/12, l'articolo 45 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) deve essere interpretato nel senso che una donna, che smetta di lavorare o di cercare un impiego a causa delle limitazioni fisiche collegate alle ultime fasi della gravidanza e al periodo successivo al parto, conserva la qualità di «lavoratore», anche ai fini dell'esercizio del diritto di soggiorno in uno Stato membro diverso da quello di cui ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?