Agevolazioni e incentivi

Rientro dei cervelli, le regole per il 2016

di Andrea Costa

LA DOMANDA Ho un ricercatore rientrato in Italia con un contratto a progetto dal 2013 al 2015 usufruendo delle agevolazioni fiscali previste per il rientro dei cervelli. Ha preso la residenza in Italia e la sta mantenendo. L’azienda vorrebbe proporgli un nuovo contratto di collaborazione, sempre come ricercatore in ambito scientifico per il 2016. La normativa prevedeva che «il beneficio decorre dalla data di assunzione e comunque per un periodo intercorrente dal 28 gennaio 2011 al 31.12.2015 ». Con il nuovo contratto di collaborazione con decorrenza 2016 , il ricercatore che ha mantenuto la residenza in Italia, può ancora usufruire della tassazione agevolata prevista per il rientro dei cervelli ? In caso affermativo, di che entità è l’agevolazione?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?